Il rubino sintetico di Salerno

Una sfida dell'uomo alla natura.

Nel laboratorio MUSA dell’Istituto CNR-SPIN e del Dipartimento di Fisica dell’Università di Salerno, si è in grado di creare, a partire dai semplici ossidi di alluminio e cromo, rubini con grado di purezza molto vicino a quelli naturale.

Il team di ricercatori coordinato da Antonio Vecchione e costituito da Rosalba Fittipaldi, Veronica Granata e Alberto Ubaldini, ha messo a disposizione anche di studenti universitari e di istituti superiori di Salerno e provincia l’esperienza maturata in questi anni nell’ambito dello studio di ossidi di metalli di transizione per avvicinare i ragazzi alla fisica dei materiali e in particolare alla crescita di cristalli.

Sulla copertina del volume 59 n.3 del 2018 del Giornale di Fisica della Società Italiana di Fisica è raffigurato il rubino sintetico di Salerno.

Nell'articolo pubblicato nel suddetto volume sono descritti i dettagli del procedimento di realizzazione di queste affascinanti pietre preziose.

L'articolo è reperibile al seguente link

Pubblicato il 5 Novembre 2018

Il Rubino Sintetico